Home / Breviloqui / La grammatica della vocazione s’impara donandosi

La grammatica della vocazione s’impara donandosi


Vocazione significa chiamata. Non si diventa cristiani perché si sceglie ma perché si risponde. Dio chiama tutti. L’esistenza umana si compie nella risposta a una chiamata che ogni uomo deve scoprire dentro di sé. Siamo figli di un paradosso: non ci realizziamo se non impariamo ad uscire fuori di noi, se non ci sentiamo parte di un progetto più grande, se non capiamo per chi e per cosa siamo venuti al mondo. Dio però, non chiama con il megafono o con WhatsApp. Dio chiama con lo stupore del silenzio che fa incontrare la profondità. Dio chiama con la bellezza della sua Parola che aiuta a conoscersi e a vedere il mondo con occhi diversi. Dio chiama con l’invito di un amico o con la commozione di una liturgia. Ma soprattutto Dio chiama con l’amore che ricevi gratuitamente e con quello che sempre puoi dare, anche quando non lo sai. C’è una frase significativa di Gesù, non riportata nei vangeli ma conservata negli Atti degli Apostoli: «c’è più gioia nel dare che nel ricevere» (At 20,35). È il segreto della vita: donarsi. Quando ti metti a servizio, quando rinunci al tuo tempo, alle tue ricchezze, alle tue voglie, per fare spazio all’altro, per aiutare un fratello in difficoltà, o semplicemente per ascoltare; allora sperimenti una gioia che ti fa vedere il senso della vita. In quella gioia c’è la grammatica per interpretare la voce di Dio che ti chiama, e a quel punto occorre il coraggio del cammino, la scelta della sequela, di quel lento imparare ogni giorno a diventare come Lui, per amare come Lui ci ha amati.

(Originariamente pubblicato sul Settimanale diocesano La vita di Pistoia del 4 Maggio 2020)

Autore: Cristiano D'angelo

Cristiano D'angelo

Check Also

MAESTRO

Basta chiudere gli occhi e tornare sui banchi di scuola per vedere nella mente i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *